La previsione delle rune arriva fino ad un massimo di 3 mesi, ma ricorda, ciò che esce non è già stabilito e fisso, ma lo si può cambiare, le devi utilizzare come un consiglio e non come un verdetto della tua vita, perché se l' esito è negativo, bisogna cercare di capire la base e trovare la soluzione per migliorare.
Per divinare, bisogna essere rilassati e senza pensieri, poi bisogna estrarre la runa una alla volta e con la mano non dominante, alcune rune hanno sempre lo stesso significato perché non sono reversibili (non hanno un verso) e quindi per capire il vero significato
devi vedere le rune abbinate che hai di fronte, durante l' estrazione alcune rune possono uscire in orizzontale, in questo caso non potendo dare una valutazione, vanno ripescate.
Per la lettura, puoi utilizzare un apposito panno normale o con disegnato un pentacolo,
esistono diverse disposizioni possibili, e l' ordine con cui si procede per posizionarle durante il consulto.
Prima di iniziare con la divinazione, concentrati e mescola le rune nel sacchetto, fermati un attimo, e prima di estrarre la prima runa, recita cosi:

'Grande Odino, e amabile Freya,
guidate la mia mano ed i mie pensieri.
Che io possa ricevere una giusta lettura
senza aver paura.
In questo momento ho bisogno di informazioni,
di aiuto e delle vostre benedizioni.
Con le vostre mani sarò guidata
e sempre concentrata.
Con il potere dei quattro Elementi
io leggero i miei abbinamenti'.

Il post non è finito...




Questa splendida idea, viene da qui: Sentiero Wicca.

Riporto un pezzettino:
'Per una settimana da quando leggerete questo post, dovrete estrarre una runa al mattino pensando alla giornata e senza guardarla la metterete o nel cassetto oppure in un posto dove non la potete vedere e nessuno ovviamente ve la possa spostare, e a fine giornata controllerete se la runa corrisponde a come si è svolta la giornata.
Se volete potete postare ogni giorno il risultato oppure alla fine della settimana in cui avete estratto le rune mi scrivete un riassunto giorno per giorno (possibilmente essendo onesti anche sul fatto se avete guardato o meno la runa a inizio giornata anche se non dovevate)'.

Il post non è finito...


- SAMANTHA -

Il significato di questo nome è 'fanciulla sacra' e 'colei che ascolta'.
La sua origine è nord americana, e l'onomastico cade il 1° novembre, ed è diffuso in tutta Italia, questo nome è stato documentato per la prima volta negli stati uniti alla fine del 700, negli atti di un processo per stregoneria tenuto a Salem (Massachusetts).
Si è affermato in Italia a partire dagli anni '70 come nome di moda (da quello della protagonista della serie televisiva statunitense Bewitched, dove Samy è il nome di una delle due giovani streghe).
Samantha è una donna schietta, instancabile, attiva, curiosa, vivacissima e sempre alla ricerca di guai (verissimo) così grazie al suo coraggio di rischiare e alla sua costanza, potrebbe riscuotere successo nel mondo dello spettacolo (?).
Ama le competizioni, anche in amore.
Pur di difendere il suo mondo fragile e perfetto, tende ad alzare muri enormi apparendo così scontrosa e di una ruvidezza davvero temibile, ma superandoo il primo impatto però si apriranno le porte della sua vera personalità in cui è racchiusa: immaginazione, delicatezza, calore, tenerezza...
- Varianti del nome: Sam, Sammy, Samy e Samanta.
- numero portafortuna: 8.
- colore: blu.
- pietra: zaffiro.
- metallo: ferro.

Il post non è finito...





. Cosa serve:
- Una vaschetta di plastica trasparente (quella del gelato va bene).
- Un chiodo (quello per il quadro).
- Una pinza.
- Colori a tempera a piacere.
- Decorazioni varie (tranne la stoffa).

. Come fare:
Prendi la vaschetta e tagliala come più ti piace, poi con la pinza prendi il chiodo e passalo sui fornelli fino a quando non diventa incandescente, a questo punto, riprendi il contenitore e fai un buco (in uno dei due lati corti) in prossimità del bordo che trapassa il contenitore, e lascia raffreddare un pochino.
Adesso decora a piace e lascia asciugare all' aperto ma non sotto il sole.
Pronto!.

Categorie:

 
 
Per poter creare la ricetta base per i nostri incensi fatti in casa, bastano pochi e semplici 'attrezzi del mestiere'.  
 
. Cosa serve:
- Un mortaio ( di qualunque genere, anche se io preferisco quello in marmo ).
- Le erbe scelte ( non più di tre ).
- Resina di base ( olibano, benzoino, mirra, storace, copale, etc...).
- Dieci gocce di olio essenziale.
- Una ciotola di vetro ( abbastanza grande per mischiare con le mani ).
- Un contenitore con il coperchio.
- Etichetta.

. Come fare:
Metti per prima cosa la resina scelta nel mortaio e inizia a sminuzzare per bene, dopo aggiungi le erbe una alla volta, e continua fino a quando non ottieni una polvere il più sottile possibile.
A questo punto, metti il composto nella ciotola e aggiungi le gocce di olio essenziale, mischia con le mani in modo da amalgamare bene anche l'olio, pensa a quale scopo ti servirà questo incenso, infondendo la propria energia al tutto.
Fatto ciò, metti il composto nel contenitore, chiudilo bene, metti l' etichetta e riponilo in un posto fresco e buio, in attesa di essere usato.

Il post non è finito...

Categorie:



Gli incensi sono oramai diventati parte della cultura occidentale, si trovano in quasi tutte le case e vengono usati per molteplici scopi, dalla semplice profumazione alla purificazione vera e propria della casa, sono elementi base di molte religioni orientali, e vengono anche usati per terapie naturali e massaggi.
Di questi incensi se ne trovano in commercio una grande varietà, di tutti i prezzi e tipi, cosi la grande
diffusione che sta avendo in tutto il mondo, ha portato il mercato a proporre incensi ovunque, di pessima qualità ed a basso costo, vengono fabbricati in India in grandi stabilimenti che usano una svariata quantità di sostanze chimiche per dare il profumo ed il colore al prodotto (essenze sintetiche per dare il profumo, coloranti sintetici per il colore, colle varie per formare il prodotto... uno schifo!).
L'incenso più comune è quello a forma di cono e bastoncino, viene acceso da un estremità e lasciato bruciare per creare il fumo che ne caratterizza il prodotto, durante la combustione, le sostanze chimiche vengono bruciate e liberate nel' Aria tramite il fumo, così facendo rilasciano altre sostanze che si formano durante la combustione (per esempio la formaldeide e il benzene) così queste sostanze già piene di allergeni e materiali tossici, cambiano forma e mutano in sostanze ancora più pericolose, rilasciando polveri sottili che inalate fanno male alla salute.
I fumi che vengono prodotti da questi incensi (di scarsa qualità) danneggiano i polmoni, il cuore, le arterie, problemi respiratori e scatenare allergie di varia entità, però la stessa sorte la subiscono anche le candele profumate ed i deodoranti ambientali (a spray, a piastrina, etc... sia per casa che per l' auto).
Ma allora come si può scegliere un incenso sicuro e non rischiare con la propria salute incappando in prodotti scarsi e tossici?, in commercio si trovano quattro categorie di incenso, vediamo quali fanno bene e quali no...

Il post non è finito...


Collaborazioni

◆ Vuoi collaborare con il blog? Leggi qui e scopri come fare!.