Elemento: Aria.
Direzione: est.
Colore: giallo.
Genere: maschile/femminile.

La bacchetta è uno strumento di invocazione dove si usa per chiamare la Dea e il Dio, oppure viene usata per canalizzare l'energia,per disegnare simboli magici o un cerchio nel terreno.
E' lungha circa 30 cm (come la lunghezza tra il dito indice e il gomito) e di solito si usa il legno vivo,ottenuto dalla potatura di diversi tipi di alberi (la quercia,il nocciolo,il sambuco e altri alberi sacri).
Inoltre il legno viene ripulito dalla corteccia,intagliato,lavorato ed decorato con simboli,perle etc.
 

Il post non è finito...


In questa pagina,ho messo due semplici (almeno per me) riti che uso ed ho usato in passato per consacrare gli strumenti d' Arte.
Sono tutti e tre con i quattro Elementi,quindi prepara il tutto come il tuo solito.
Sono abbastanza simili,io li ho messi lo stesso per comodità.

. Cosa serve:
- L' incenso di sandalo e salvia.
- Una candela bianca.
- Una ciotolina piena di Acqua.
- Una ciotolina con il sale.

...............................................................................................................

. Primo metodo:

Passa ogni strumento attraverso ogni elemento,io comincio sempre dall' Aria (fumo dell' incenso) poi con il Fuoco (la fiamma della candela) l' Acqua (la ciotolina di Acqua, spruzzalo non immergerlo mi raccomando) ed infine la Terra (sale).
Mentre fai tutto ciò,recita cosi:

'Purifico e consacro questo strumento di Arte magica.
il mio (nome strumento)
strumento di (nome dell'elemento rappresentato dallo strumento)
con l' Elemento di (nome dell' elemento che stai usando per purificare)
che possa aiutarmi e benedire il mio lavoro in modo sacro.
Cosi è ... e cosi sarà'.
 
Per esempio,se devi consacrare il tuo Pentacolo,la formula sarà cosi:

'Purifico e consacro questo strumento di Arte magica.
il mio (Pentacolo) strumento di (Terra) 
con l' Elemento di (Aria)
che possa aiutarmi e benedire il mio lavoro in modo sacro.
Cosi è ... e cosi sarà'.

Fai cosi per ogni Elemento.

...............................................................................................................

. Secondo metodo:

Strofina il sale sul tuo strumento e recita cosi:

'Ti consacro con la Terra 
possa questo (nome strumento) essere
dotato delle virtù della Terra
e le benedizioni dei questo Elemento
e che siano moltiplicate con ogni utilizzo'.

Passa lo strumento attraverso i fumi dell' incenso,e recita cosi:
 
'Ti consacro con l' Aria 
possa questo (nome strumento) essere
dotato delle virtù dell' Aria
e le benedizioni dei questo Elemento
e che siano moltiplicate con ogni utilizzo'.
 
 
Adesso lo devi passare sulla fiamma della candela:
 
'Ti consacro con il Fuoco 
possa questo (nome strumento) essere
dotato delle virtù del Fuoco
e le benedizioni dei questo Elemento
e che siano moltiplicate con ogni utilizzo'.
 
Lascia cadere qualche goccia di Acqua,e recita sempre cosi:
 
'Ti consacro con l' Acqua 
possa questo (nome strumento) essere
dotato delle virtù dell' Acqua
e le benedizioni dei questo Elemento
e che siano moltiplicate con ogni utilizzo'
 
Ora,mantieni lo strumento in aria per presentarlo alla Dea e al Dio:

'Madre e Padre ascoltatemi.
Oggi vi offro questo (nome strumento)
per la vostra benedizione
e con esso vi onoro.
Cosi è ... e cosi sarà'.

 



...'Importanti gli strumenti magici son davvero
e alla magia ordine e forma recan invero.
la forma dirigono,respingono,attirano
spalancano la porta e poi il varco sigillano.
dalla grande energia attingono
mentre pazientemente i perchè e i percome attendono.
della strega che amorevolmente il fuoco ravviva
e il calderone delle neccessità e dei desideri gira.
ma oltre ai pentacoli che sull' altar con orgolio son messi
a coppe,bacchette e athame
lo strumento più potente spesso è dimenticato
che tra le ragnatele e la polvere è abbandonato.
sulle nostre spalle riposa e mai ci lascia
e che lavoro,studio o gioco sia
sovrana regna e tutto in azione rende evidente:
lo strumento magico più potente che vi sia è la mente'...


Avere gli strumenti giusti per una strega/one è molto importante,perchè non sono dei strumenti qualsiasi ma determinano il successo del nostro intento,ecco perchè di solito li costruiamo noi o li personalizziamo in modo tale che siano ancora più nostri.
Il consiglio che vi dò è quello di non prestare e non fare mai toccare gli strumenti personali,questo perché si crea un legame profondo tra una strega e il suo strumento ed l'utilizzo è esclusivo.
Molte streghe insegnano addirittura a non mostrare a nessuno i propri strumenti questo perché è uno strumento di grande potere e di natura molto personale e non va mostrato come fosse un soprammobile.
 

Il post non è finito...




 

Questa festività prende il nome dal Dio gallese Mabon,che significa Grande Sole.
La leggenda narra che venne rapito,a soli tre anni,dalla Grande Madre (Modron) e lo condusse nel' Ade,per imperire che la sua luce risplendesse in tutto il mondo,lui era molto intelligente e fu cosi che si 'studiò' il suo ingegno,e quando fosse stato il momento giusto,avrebbe fecondato la Terra per renderla di nuovo rigogliosa.
Cosi Mabon annuncia il primo giorno di autunno,e il secondo periodo del raccolto,sia agricolo che personale,è il momento di celebrare l'abbondanza dela Terra e ringraziarla per le cose che ci dà,per questo motivo,questa festa viene anche chiamata 'giorno del ringraziameno delle streghe'.
Ma non c'è solo questo aspetto,visto l' associazione con l' Ade (il signore dei inferi) è anche un occasione per ricordare i nostri antenati,per ringraziarli di tutti i doni che ci hanno dato.
Mabon è un momento di ringraziamento totale,in cui diciamo grazie per tutto ciò che abbiamo.

 

Il post non è finito...




La Dea è la Madre universale ... è onnipotente e onnisciente.
E' conosciuta con molti nomi e assume molti aspetti, ma è spesso raffigurata in tre aspetti:
- La Vergine (Luna Crescente, e il campo non mietuto) rappresenta la spensieratezza giovanile, la giocosità e l' innocenza del primo amore.
- La Madre (Luna Piena, e il pieno raccolto) è la sensualità, il desiderio, le forze creative della vita e il sereno nutrimento.
- L’ Anziana (Luna Calante, e la Terra addormentata ricoperta di neve) è la somma degli altri due aspetti, la chiusura del cerchio, è colei che controlla i piatti della bilancia del karma, e ci accompagna per mano quando giunge il tempo del trapasso nell' altra vita.


Il post non è finito...




E' il consorte della Dea, onnipotente e onnisciente, anche lui viene chiamato in molti modi ed è una triplice divinità:
- Giovane Signore (alba, il mattino, nuovo sole) è la gioia dorata della fanciullezza, i giochi d' amore.
- Padre, Dio Cornuto e cacciatore (mezzogiorno) è il cervo adulto nei boschi, il seme fertile che rende verde la Terra, e il padre terreno su cui ci appoggiamo.
- L' Anziano (tramonto) ci porta la forza della conoscenza e il potere  dell' esperienza.


Il post non è finito...




eko,eko,azarak,
eko,eko,zomelak,
eko,eko,cernunnos,
eko,eko,aradia!
(rip. per 3 volte)
darksome night and shining moon,
east, then south,then west,then north,
hearken to the witch's run,here we come to call thee forth!
earth and water, air and fire, wand and pentacle and sword,
work ye unto our desire, hearken ye unto our work!
cords and censer,scourge and knife, powers of the witch's blade,
waken all ye unto life,come ye as the charm is made!
queen of heaven,queen of hel,horned hunter of the night,
lend your power unto the spell, and work our will by magic rite!
in the earth and air and sea,by the light of moon or sun,
as we do will, so mote it be.chant the spell and be it done!
eko,eko,azarak,
eko,eko,zomelak,
eko,eko,cernunnos,
eko,eko,aradia!
(rip. per 3 volte).


→ Traduzione:

eko,eko,azarak,
eko,eko,zomelak,
eko,eko,cernunnos,
eko,eko,aradia!
(ripetere per 3 volte)
luna splendente e notte dall’oscuro manto,
est,sud,ovest e settentrione
delle streghe ascoltate il canto
giunte per chiamarvi in quest’occasione.
terra e acqua,aria e fuoco,
pentacolo,spada e bastone
operate voi per il nostro scopo
e udite la nostra invocazione!
corda e incensiere,coltello e frusta,
poteri della lama stregonesca
la nostra magia a nuova vita vi desta
accorrete affinché l’incantesimo riesca!
regina degli inferi,regina dei cieli
della notte cacciatore cornuto
all’incantesimo donate i vostri poteri
e per il rito operate ciò che abbiamo voluto!
per tutto il potere della terra e del mare
per tutta la forza della luna e del sole
come vogliamo così possa andare
così sia fatto con queste parole!
eko,eko, azarak,
eko,eko, zomelak,
eko,eko,cernunnos,
eko,eko, aradia!
(rip. per 3 volte).


 
 
La parola delle streghe adesso devi sapere,
segreti che nascondiamo nelle notti più nere,
quando il buio era il nostro destino,
che ora portiamo nella luce del mattino.
mistica acqua e fuoco misterioso,
la terra e l’aria del vento tempestoso,
noi conosciamo per la nostra quintessenza,
e il segreto teniamo per la nostra conoscenza.
cerchio magico,ciclo naturale,
con te godiamo e con la vita universale,
il nascere e rinascere di tutta la natura,
il placido passare di inverni e primavere.
torna il gran sabba per quattro volte all’anno,
e per prepararsi le streghe già sanno,
si danza di lammas,a imbolc,ostara,
ad halloween ch’è forse la festa più cara.
a marzo e settembre c’è l’equinozio,
a giugno e dicembre invece il solstizio,
per quattro volte le streghe van fuori,
a festeggiare i sabba minori.
13 lune d’argento in un anno,
13 membri in coven ci stanno,
13 volte gli esbat si fanno,
per 12 mesi e un giorno che vanno.
attraverso il tempo il potere passava,
tra donna e uomo ed ognuno donava,
quando ogni secolo andava a finire,
l’uno nell’altro insieme ad unire.
quando il magico cerchio è tracciato,
dal potere di spada o athame incantato,
in mezzo ai due mondi giace il suo raggio,
e in terra di ombre comincia il suo viaggio.
e allora questo mondo non potrà sapere,
quello che l’altro non vorrà dire,
gli dei più antichi sono invocati,
e i riti magici sono riusciti.
due sacre colonne ci sono all’entrata,
dei mondi sorregon la porta innalzata,
due son le forze della natura,
e doppio è l’aspetto divino in misura.
il buio e la luce in continuazione,
stan l’uno nell’altro in successione,
dio e dea saranno chiamati,
questi i concetti che ci hanno insegnati.
cavalca di notte nel vento in tempesta,
signore del buio,il dio cornuto,
di giorno è invece il re della foresta,
e a lui tutte le piante e il verde è dovuto.
è giovane o vecchia,è come le pare,
tra nubi squarciate è il suo navigare,
a mezzanotte d’argento diventa,
e come l’anziana incantesimi inventa.
maestro e maestra di ogni magia,
che state nell’animo e nella mente,
per sempre immortali vi rinnovate,
voi che potete e fate e disfate.
in onore agli dei il calice alziamo,
nel loro nome amiamo e balliamo,
finchè a nostra madre non ritorneremo,
quando dal corpo ci separeremo.
fai quel che vuoi,fai come ti va,
fai con amore,se male non fa,
se questa regola si rispetterà,
antica magia compiuta sarà.






Tu strega hai un nome magico? (a volte anche due,il primo con cui ti presenti a tutti, mentre il secondo per gli Dei) hai mai pensato come puoi fare per trovarlo? io lo trovato con la numerologia e adesso ti dimostro come ho scelto il mio nome.
Prima di tutto il tuo nome lo devi scegliere tu,lo devi 'sentire',ti deve piacere e ti deve suonare bene dentro, deve rispecchiare la tua personalità,il nome di strega non deve essere tenuto segreto ma va rispettato,e usato solo con il tuo gruppo magico o con le persone più intime.
Puoi scegliere nomi antichi e mitologici oppure usare il metodo della numerologia...ecco come fare:

- passo 1:
Trova il tuo numero,somma le cifre che compongono la tua data di nascita,oppure con il tuo nome,per esempio se sei nata il 23 giugno 1956,il numero sarà: 23.6.1956.
Ora somma tutti i numeri: 2+3+6+1+9+5+6 = 32...poi riducili ad una sola cifra: 3+2 = 5 ...quindi il tuo numero di nascita è il 5.

- passo 2:
Adesso trova il numero del nome che hai scelto,assegna a ciascuna lettera i suoi corrispondenti valori numerici seguendo lo schema riportato qui sotto:


1...2...3...4...5...6...7...8...9
A...B...C...D...E...F...G...H...I
J...K...L...M...N...O...P...Q...R
S...T...U...V...W...X...Y...Z

Supponi che ti piaccia Diana,usando la griglia abbiamo: d=4 i=9 a=1 n=5 a=1... somma i numeri di ogni lettera e riducendo ad una sola cifra si arriva ad ottenere 2.
Però il numero di nascita è 5,a questo punto,devi trovare un nome che corrisponde al numero di nascita,per esempio puoi aggiungere al nome Diana una delle lettere che corrispondono al numero '3',cosi in questo modo si avrà: dicana,dilana,dianau etc...i cui valori sommati darebbero 5.
Perché il numero del nome deve corrispondere al numero di nascita? semplice,perché quest'ultimo non cambia mai ed è per tutta la nostra vita.
Ora,numerologicamente parlando,le cifre hanno la seguente attribuzione planetaria tradizionale


1 sole 2 luna 3 marte 4 mercurio 5 giove
6 saturno 7 venere 8 urano 9 nettuno

Nel caso del nome inventato sopra,il suo nome planetario è Giove,come passo successivo,devi consultare un libro sulla mitologia e sulle leggende,sull'argomento che riguarda Giove,ci sarà materiale in abbondanza soprattutto se si tratta di libri di mitologia comparata che mostrano le interrelazioni tra le varie leggende.
Se nessuno di questi metodi dovesse dare risultati e piacervi,allora prova semplicemente fare da soli ed escogitare un nome che 'suoni bene',confezionandolo seguendo l'ispirazione del momento,usando come guida la tua intuizione che è poi il solo criterio,puoi impiegare un bel po' di tempo,ma vale la pena di pensarci bene sopra perché una volta inciso su i tuoi attrezzi magici sarà legato a te.

- passo 3:
Quando hai trovato il tuo nome,devi anche scriverlo sui tuoi strumenti magici,usa questo alfabeto delle streghe...


- passo 4:
Ora devi consacrare il tuo nome,ecco come fare:
Decora l'altare con i simboli del tuo nome (se questo è possibile) procurati un foglio e una matita e mettilo sull'altare,apri il cerchio e fai le invocazioni come di consueto...a braccia levate davanti al' altare recita cosi:
'in questa notte io (nome) mi presento al Dio e alla Dea
 a tutti i guardiani con il mio nome magico...
da questo momento io mi chiamerò (nuovo nome)'.

Scrivi sul foglio il nome in lettere tebane o normali,dopodiché passalo sui fumi del incenso e recita cosi:
'(nome) ti consacro con i poteri dell' Aria
 che è intelletto,chiarezza,purezza,l'alba della vita...
che i doni dell' aria entrino in te e in me,
che ti accolgano come nuovo nome'.

Ora passa il foglio sulla fiamma di una candela (senza bruciarlo) recita cosi:

(nome) ti consacro con i poteri del Fuoco
 che è forza,passione,determinazione energia,
è il fiero entusiasmo durante il focoso mezzogiorno della vita...
che i doni del fuoco entrino in te e in me,
che ti accolgano come nuovo nome'.

Spruzza con l'acqua il foglietto,e recita cosi:

(nome) ti consacro con i poteri dell' Acqua
 che è intuizione,guarigione,profonda consapevolezza,
amore,i misteri che dentro di me destano,
quando dono parte di me per far nascer nuova vita...
che i doni dell'acqua entrino in te e in me,
che ti accolgano come nuovo nome'.

Copri il foglietto con sale o la terra,e recita cosi:

(nome) ti consacro con i poteri della Terra
che è resistenza,solidarietà,fedeltà,e profonda connessione con il mio
 più nascosto lato nel'oscurità del tramonto della vita...
che i doni della terra entrino in te e in me,
che ti accolgano come nuovo nome'.

Accendi il foglietto e mentre brucia recita cosi:


'io sono (nome) per l'Aria,il Fuoco,l'Acqua e la Terra...
io sono (nome)
 (cosi per 3 volte).
Per ogni angolo recita cosi:

'Guardiani dell torri  (elemento) sono (nome) conoscetemi,
cosi quando vi convocherò e infondetemi...(intelletto,chiarezza,purezza,forza,passione,determinazione,energia,intuizione,
guarigione,profonda consapevolezza,amore,resistenza,solidarietà,fedeltà)'.

Presentatevi agli dei e chiudete il rituale.

. Fonte:
- Miei appunti.
- Per il punto n.4 sacerdotesse di Avalon.




Quando si sentono nominare le streghe (ma questo discorso vale anche per i maschietti, non solo per le femminuccie) tutti corrono subito con il pensiero a quelle vecchiette brutte e con il naso a punta,che volano su una scopa,fanno le fatture e lanciano maledizioni,quelle che usano zampe di gallina e code di topo per le loro pozioni...dalla notte dei tempi le streghe sono considerate come amanti del diavolo esseri cattivissimi che bisogna temere...ebbene... non c'è cosa più assurda e sciocca di questa!!!.

 Una strega/stregone non è:

· Un adoratrice di satana (in effetti, una strega non solo non lo adora, ma non crede nemmeno nella sua esistenza).
· Una cristiana (sono indù,posso essere protestante? sono mussulmano,posso essere buddista? non si può essere l' uno e l' altro,se si è cattolici,non si è anche wiccan!
per la fede cattolica,le attivita' e la filosofia di un wiccan non sono contemplabili tra i comportamenti accettati.
Se qualcuno intende mischiare religione cristiana e wicca in realtà non dovrebbe definirsi né cristiano né wiccan,ha una sua personale versione di connubio delle due,che però non è né un religione,né l'altra).
· Una sacrificatrice di bambini (le streghe considerano la vita sacra e ne hanno un profondo rispetto,la vita di un essere vivente NON viene sacrificata nei rituali wicca per il semplice motivo che essa appartiene all' essere vivente stesso,si può offrire ciò che è nostro,non si può offrire ad altri ciò che non ci appartiene).
· Una fattucchiera maligna (la parola strega richiama colorite immagini folkloristiche di visi arcigni,nasi bitorzoluti,complotti e maledizioni,una strega ha un aspetto normale ed è spesso una persona generosa e disponibile,pur essendo una strega,non è stata la vostra vicina di casa a mandarvi le talpe perché invidiosa delle vostre begonie).
· Una mercenaria (una strega non cerca di spillare soldi a povera gente facendo leva su superstizioni e ciarlatanerie alla wanna marchi).
· Il genio della lampada (non tormentate la vostra amica strega perché faccia un incantesimo per far innamorare di voi quel tipo che vi piace tanto...).
· Incline al proselitismo (non ci interessa convertire nessuno).
· norman bates (una strega può avere costumi che al profano possono sembrare strani o inquietanti,prima di buttarsi su un interpretazione approssimativa,sarebbe bene fermarsi ad approfondire,per esempio l' athame è uno strumento usato da molte streghe nella apertura e chiusura di cerchi,e non viene usato per tagliare niente,tantomeno per ferire o sacrificare qualcuno).
· il vostro dardo della vendetta (non chiedete alla amica strega e meno che mai a quella a pagamento) di maledire questo e far cadere i capelli a quell’ altra,è comunque poco probabile che una vera strega accetterebbe di attaccare qualcuno,più facilmente potrebbe aiutarvi a proteggere voi stesse,ad allontanare e bandire,non a fare del male.


◆♦◆◊◆♦◆◊◆♦◆◊◆♦◆◊◆♦◆◊◆♦◆◊◆♦◆

una strega è:

· Un figlio/a della natura (una strega ama profondamente la grande Madre Terra,il contatto con la natura è per molti/e il canale di comunicazione col divino per eccellenza in genere è molto cosciente dei problemi ecologici,dello stato del pianeta e della situazione ambientale).
· Flessibile (molte streghe si considerano eclettiche,e attingono liberamente da diverse tradizioni e spiritualità ottenendo una miscela di elementi diversi eppure armonici,una strega non dichiara di essere la detentrice della verità ultima ed assoluta,crediamo che ognuno abbia la sua strada e le sue verità).
· Un amante degli animali (diffiderei di chi si dice strega e poi ha comportamenti di indifferenza o crudeltà verso gli animali).
· Qualcuno con un senso dell’ onore (in generale,una strega è una persona che mantiene la parola data,che è capace di ammettere di avere sbagliato,che non si tira in dietro nel momento del bisogno,sa mantenere un segreto,che da un grande valore all’amicizia e alla lealtà).
· Qualcuno con sense of humor (essere male interpretati è molto comune per noi,secoli di luoghi comuni non aiutano,se siete voi la strega che nel chiudere un cerchio si è accorta che la vicina di casa vi sta guardando col naso appiccicato al vetro della sua finestra,con gli occhi tondi e la bocca semiaperta…beh...rideteci su!).
· Qualcuno con una certa inclinazione al sapere naturale (molte streghe conoscono le proprietà delle erbe,dei colori,delle essenze e degli incensi,delle pietre e dei cristalli,dell’ uso della manipolazione energetica nella guarigione).
· Creativa (quasi tutte le streghe hanno un loro modo creativo per esprimersi e fare offerte agli Dei,la musica,la danza,i lavori manuali,scrivere,comporre,cucinare,l’intaglio,la pittura,il canto,l’ artigianato in genere).
· Qualcuno che accetta la responsabilità delle proprie azioni (non esiste nessuna entità di male assoluto quale il diavolo tentatore a dirigere l’ animo umano,ognuno è artefice del proprio destino,ed ogni azione compiuta ha delle conseguenze,molte streghe in proposito credono nella legge del tre).
· In continua evoluzione (una  strega continua a praticare,leggere,confrontarsi con gli altri,sperimentare,studiare senza mai presupporre di aver finito di imparare).

. Fonte:
- pagan pride.




1. Noi pratichiamo riti che ci armonizzano con i ritmi naturali delle forze vitali, scanditi dalle fasi della Luna, dalle quattro stagioni e dalle quattro direzioni.
2. Siamo consapevoli che la nostra intelligenza ci conferisce una precisa responsabilità nei confronti dell'ambiente.Per questo cerchiamo di vivere in armonia con la Natura, i suoi ritmi e le sue leggi, riconoscendo nell' evoluzione la piena realizzazione della vita e della coscienza
3. Riconosciamo un livello di potere notevolmente superiore alla media delle persone. Proprio perché questo potere è superiore al normale, a volte viene definito "sovrannaturale", ma sappiamo che questo potere esiste latente in tutti noi.
4. Pensiamo che il Potere Creativo dell'Universo si manifesti attraverso la polarità maschile-femminile, che questo Potere Creativo sia presente in tutti e che agisca attraverso l'interazione tra elemento maschile e femminile. Non pensiamo che una polarità sia superiore all'altra, perché sappiamo che sono reciprocamente complementari. Riteniamo la sessualità una gioia, simbolo ed espressione della vita, oltre che una delle fonti di energia usate nella pratica magica e nel culto religioso.
5. Riconosciamo entrambi i mondi, quello esterno e quello interiore o psicologico, dimensioni note anche come "mondo spirituale", "inconscio collettivo" "pianeta interiore" etc. Dall' interazione di questi due mondi prendono vita i fenomeni paranormali e gli esercizi magici. Non privilegiamo una dimensione rispetto all' altra, vedendo entrambe ugualmente necessarie per la nostra realizzazione.
6. Non riconosciamo nessuna autorità gerarchica, ma rispettiamo chi insegna condividendo con gli altri la sua maggiore conoscenza e superiore saggezza; siamo riconoscenti verso chi ha assunto il compito di guida.
7. Consideriamo la religione, la Magia e la saggezza del vivere come un tutt'uno nel modo di vedere il mondo e nel viverlo. Riconosciamo una visione del mondo e una filosofia della vita che chiamiamo "Stregoneria" o "Wicca".
8. Definirsi "Strega" non significa essere automaticamente Streghe. La Stegoneria non si eredita e non si ottiene con titoli, diplomi o iniziazioni. La Strega è colei (o colui) che controlla le forze dentro di sé, forze che consentono di vivere bene e con saggezza, senza far del male agli altri e in armonia con la natura.
9. Riconosciamo che l'affermazione della pienezza della vita, in una continua evoluzione e sviluppo della coscienza, attribuisce senso all'Universo che conosciamo ed al ruolo individuale che in esso svolgiamo.
10. Il nostro unico dissenso verso il Cristianesimo, o verso qualunque altra religione o filosofia di vita, è solo riferita al fatto che queste istituzioni si sono dichiarate "la sola via" ed hanno cercato di negare la libertà agli altri e di sopprimere le altre fedi e pratiche religiose.
11. Le Streghe non si sentono minacciate dagli studi sulla storia della Stegoneria, sull'origine della loro terminologia o sui vari aspetti delle differenti tradizioni. Ciò che ci interessa é il nostro presente ed il nostro futuro.
12. Non accettiamo il concetto di "male assoluto" e non adoriamo nessuna entità simile a quella che la tradizione cristiana chiama "Satana" o "Diavolo". Non crediamo nel potere basato sulla sofferenza altrui e non accettiamo l'idea che il beneficio personale si fondi sul fatto di toglierlo a un altro.
13. Collaboriamo con la Natura in tutto ciò che concerne la nostra salute e il nostro benessere. Non essendo legate a nessuna tradizione di altri periodi storici o di altre culture, non siamo in debito di devozione verso nessuna persona e nessun potere che non sia il Divino che si manifesta in noi stesse. Accettiamo e rispettiamo qualunque insegnamento e tradizione in difesa della vita. Da tutte queste cerchiamo di imparare, condividendo ciò che abbiamo imparato. Escludiamo i metodi in contrasto con i nostri, ma accettiamo qualunque persona che abbia un sincero interesse per le nostre conoscenze e la nostra fede, senza nessuna distinzione di razza, colore, sesso, nazionalità, cultura o abitudini sessuali.


→ Se desideri stampare la pergamena, ecco qui il link: pinterest.
Consiglio di salvare l' immagine sul vostro pc e poi stamparla.





' Ogni cosa che si fa torna indietro tre volte nel bene e tre volte nel male! se si fa del bene si riceverà tre volte il bene, se si fa del male si riceverà tre volte il male, non bisogna però fare del bene nel'attesa della ricompensa '.

Nella religione Wicca, la legge del tre è un principio adottato da alcuni aderenti della religione stessa, questa legge compare per la prima volta in una delle pubblicazioni di G. Gardner e lui stesso affermò di averla letta nel libro delle ombre così come ne era entrato in possesso attraverso la congrega della New Forest.
E' una legge riservata alle streghe e stregoni e alle loro operazioni magiche, un monito che vuole significare che ciò che mandi nel bene e nel male ritornerà triplicato, può quindi esser visto come una motivazione pragmatica per seguire un comportamento etico.
In tutta la tradizione esoterica non si fa mai menzione di questa legge, come afferma D. Valiente che conobbe Gardner di persona, questa fu un invenzione dello stesso Gardner a cui molte Streghe aderirono, cosi questa legge fu uno dei motivi di dissidio con la Valiente che le fecero abbandonare la congrega.
Non sembrano esserci ragioni tradizionali che testimonino l'esistenza di una legge del tre, come formulata da Gardner, ed è anche d'obbligo chiedersi perché ciò che fai deve tornare tre volte e non nove o cinque volte.
Molti Wiccan non aderiscono alla legge del tre, anche se viene definita come una delle leggi fondanti, certo se si nega la legge del tre, non si può non negare che nel momento in cui si attua un procedimento magico, un azione scatena una reazione e bisogna tenerne conto.
Ciò che tradizionalmente si tramanda è il colpo di ritorno, la maggior parte delle Streghe sapevano che quando si effettua qualcosa contro la volontà di qualcuno (in particolare se si intende nuocere) può accadere che le energie che adoperiamo e i sentimenti che suscitiamo ci si rivoltino contro, questo accade soprattutto se la persona che vogliamo colpire è in grado di respingere il nostro attacco, le forze che abbiamo scatenato ripercorrono il percorso all'indietro e si scaricano su di noi, inoltre nel tornare a noi esse raccolgono tutte le energie che trovano lungo il cammino, per questo il colpo di ritorno è sempre più potente dell'incantesimo originario, poiché la forza che non si scarica diventa un polo attrattivo per le forze della stessa natura.
Per questo tutte le volte che si opera è sempre necessario prestare attenzione e proteggersi dagli eventuali effetti di quello che scateniamo,questo non è un divieto,ma un avvertimento.
Ovviamente il colpo di ritorno riguarda soprattutto le energie negative che possono essere scatenate da persone senza scrupolo, tuttavia anche operazioni apparentemente positive possono diventare negative, soprattutto quando cerchiamo di forzare una persona alla nostra volontà.

' La legge del tre devo sempre ricordare, tre volte nel bene e tre volte nel male!
Questa lezione ho imparato, e ricevo solo ciò che ho meritato '.






... Tredici sono le mete della strega
Un solo filo le racchiude e le lega.
Un solo cerchio,le va a limitare
Concentrati adesso e stai ad ascoltare.
Conosci te stessa per prima cosa
Comprendi l’arte sin qui misteriosa.
Sii disponibile ad imparare e
Con molta saggezza usa il sapere.
Il comportamento sia equilibrato
Ed il tuo parlare sia ben ordinato.
E pure in buon ordine tieni il pensiero
Festeggia la vita con cuore sincero.
E con la terra armonizza il tuo giro
Mangia più sano e correggi il respiro.
Esercita il corpo con attenzione
Abitua la mente alla meditazione.
Un ultima meta hai da osservare
La Dea e il Dio devi onorare! ...


→ Se desideri stampare la pergamena, ecco qui il link: pinterest.
Consiglio di salvare l' immagine sul vostro pc e poi stamparla.





Tutte le candele, fatte a mano o acquistate, devono essere purificate e consacrate prima del loro utilizzo, per questa procedura avrete bisogno solo di un ingrediente: del 'olio essenziale, corrispondente al vostro scopo, consacrato (in alternativa va bene anche l' olio di oliva o di mais).
La consacrazione della candela viene chiamata "vestizione", e per questo motivo si considera la candela divisa in due parti: Polo Nord che va dal stoppino alla base, e Polo Sud che va dalla base allo stoppino.
Ma come dobbiamo fare per consacrare la nostra candela?:
. Lascia la candela per una notte intera sotto la Luna (scorri in fondo alla pagina per sapere di più).
. Spalmatevi un po di olio sulle mani, sul terzo occhio e sullo sterno.
.  Chiudete gli occhi e concentratevi sullo scopo del tuo rituale.
. In base a quello che dobbiamo fare, strofiniamo la nostra candela cosi:
- Per i riti propiziatori ( per attrarre qualcosa ): devi strofinare la candela dallo stoppino al base, oppure in senso orario.
- Per i riti eliminatori ( per rimuovere qualcosa ): la candela va strofinata partendo dalla base fino ad arrivare allo stoppino, oppure in senso anti-orario.
. Pronunciate delle parole simili a queste:

' Purifico e consacro questa cera nel nome del Dio e della Dea.
E che possa servire nella forza, al servizio della Luce '.


. Se volete potete anche incidere le candele con l' Athame, e con lo stesso metodo descritto sopra.
. A questo punto, fate il vostro rituale che vi serve, e quando avrete finito, la cera rimanente va usata cosi:
- Se hai fatto un rito propiziatorio, tieni il tutto in casa o in un luogo a te caro/collegato.

- Se hai fatto un rito eliminatorio, butta via tutto lontano da casa o dai luoghi a te cari/collegati.




  
'Se il giusto colore usato verrà
L' incantesimo bene riuscirà.
Questo elenco la tua magia forte renderà
Se con attenzione e a lungo studiato sarà.
Se per gli incantesimi questi colori userai
Tanta gioia riceverai!.
Perché l'amore pieno di desiderio sia
una candela rossa come il fuoco scelta sia.
Se la tranquillità cercherai,
Un po' di azzurro brucerai.
Per la protezione lo stesso colore usar potrai
Se un problema di salute avrai.
Per l'armonia e l'amore il rosa sceglierai
Che dall'alto la perfetta unione riceverai.
Se ciò che a cuor ti sta è l'attrazione
Il cielo inviato ha l'arancione!.
Se il controllo perderai
Usa il porpora e il potere riotterrai.
Se è il conto in banca che aumentar vorrai
Candele verdi accenderai.
Per radicarti e centrato stare
Le candele marroni devi usare!.
Scegli il blu cobalto per organizzare
Ma la lavanda è la sola che lo stress può alleviare.
Per l'equilibrio il grigio userai
Ma la pesca per gli amici meglio sarà
Mentre il nero le cattive abitudini interromperà.
Se altro non hai, il bianco adopererai
Che tutti i colori avrai.
Ma se il bianco bruciar vorrai
Sul colore giusto concentrarti dovrai.
Con saggezza li userai, e a fondo li studierai
Perché ogni volta che un incantesimo lancerai
Un sogno tesserai
Che in realtà trasformerai.
Dal' universo un rifiuto mai riceverai
Ma se lo confondi sofferenza ne avrai!'.


http://le-basi-della-magia.esoterya.com/candele-consacrazione-e-purificazione/12539/





I sacchetti magici sono dei piccoli talismani molto potenti, camuffabili agli occhi indiscreti e molto semplici da realizzare, in cosa consiste un sacchetto magico? è un miscuglio di 3 erbe, chiuso in un sacchetto del colore idoneo che viene creato per favorire qualche aspetto della nostra vita ( amore, lavoro, fortuna etc... ) .
Ci sono svariati modi e ricette per creare questi talismani, e si possono tenere in tasca, nella borsa o appesi alla finestra ( io ne ho creato uno per la protezione, da mettere in macchina ), vediampo insieme come fare:

Il post non è finito...



Questo incantesimo è molto semplice da fare, vediamo come procedere:

» Cosa serve:
- Tre sassi bianchi (circa come la grandezza di un uovo).
- 500 grammi di sale grosso.
- Un uovo fresco (con il suo guscio).
- Due tazze di acqua profumata a scelta.
- Sette foglie di salvia.
- Undici chicchi di grano.
- Una terrina.
- Un panno di cotone bianco.

» Come fare:
Prendete la terrina e mettete dentro i sassi, l' uovo, il sale, i chicchi di grano, la salvia e l ' acqua profumata.
Coprite il tutto con il panno di cotone per trenta giorni.
Due volte alla settimana, avvicinatevi alla terrina, sollevate il panno e ripetete cosi:

' Chiunque giace qui dentro
Mi ascolti e mi aiuti
A scacciare via tutti i mali
che ho attorno a me '.

Poi, in direzione del Sole nascente, inchinatevi e ricoprite la terrina. 
Dopo quaranta giorni, seppellite il tutto e attendete il risultato.


 → Fonte Labirinto Magico.






Le rune sono le lettere dell' antico alfabeto dei popoli nordici, e in tempi remoti venivano usate all'interno dei rituali di divinazione e a scopo propiziatorio, esse vengono spesso descritte come l' antica lingua degli Dei ed eroi, e la loro assenza ci è stata tramandata tramite le fiabe,  leggende e miti.
Le rune sono segni ricchi di significato e sono utilizzate per comprendere le leggi che regolano l'esistenza, infatti, se le lanciamo sul tavolo, possiamo cogliere il loro messaggio.
La parola runa deriva dal sostantivo norreno 'rùn' che significa 'segreto', mentre nella lingua tedesca il verbo 'raumen' significa 'bisbigliare, sussurrare' ... cosi il segreto delle rune potrebbe essere il riflesso di quel segreto che dimora dentro di noi, cosi le rune possono illuminare il nostro percorso,parlarci di tutte le influenze che ci circondano,offrendoci utili informazioni rispetto a quale cammino intraprendere per la nostra evoluzione.
Il più antico alfabeto runico codificato viene chiamato 'futhark' (che sarebbero le prime sei lettere del alfabeto) ed è di 24 segni, e veniva inciso su legno, pietra, o qualsiasi cosa che si potesse incidere.
Se impari a interpretare correttamente i misteri simbolici delle rune, puoi contare su un alleato formidabile su cui chiedere consiglio, la fiducia delle rune ti permetterà di raggiungere una conoscenza sempre più profonda di noi stessi.
Imparare il linguaggio delle rune può rappresentare un grande aiuto per approfondire la conoscenza della nostra mente, perché sono un mezzo di comunicazione del nostro subconscio.
Le rune vengono interpretate per predire il futuro, ma i loro consigli non devono essere interpretati come un semplice sguardo sul destino, ma come una preziosa giuda, che ci aiuterà a comprendere meglio la realtà, e ci danno un valido aiuto per adottare un determinato atteggiamento o decisioni, superando le nostre paure.


Il post non è finito...


Collaborazioni

◆ Vuoi collaborare con il blog? Leggi qui e scopri come fare!.